Ariv  ricercatori coinvolti nelle problematiche della malattia dermatologi ricerca vitiligine

Domenica 01 Novembre 2009

Novembre

La conoscenza e' gia' una medicina.

La conoscenza è già una medicina. Moltissime le terapie e le sostanze proposte per la cura della vitiligine, da ogni parte del mondo. Per alcune è stata confermata una certa validità in studi scientifici controllati, cioè eseguiti su un congruo numero di pazienti, in centri ospedalieri o universitari, (come è avvenuto per: Pimecrolimus, Tacrolimus ,PUVA, UVB, LASER ECCIMERI).

Mancano però quasi completamente studi sul ”follow-up”, vale a dire che anche se è comparsa in alcuni una parziale repigmentazione,non se ne accertata poi la durata,la “tenuta”dopo che sono state interrotte le terapie.

La maggior parte di queste proposte non ha avuto seguito di studi approfonditi e /o verifiche su congrui numeri di pazienti. Il motivo? Scarso interesse, scarsi risultati,carenza di fondi,sia da parte di privati che da parte delle Istituzioni. Ecco alcune tra la miriade di sostanze e terapie proposte per la nostra malattia. Lo stesso avviene per tutte le malattie delle quali l’origine è ancora poco nota.



ACIDO FOLICO
ACIDO IDROCLORIDICO
ACTH
ANAPSOS
ASPIRINA
BERGAMOTTO
CLOFAZIMINE
RAME
CATRAME
CRIOTERAPIA
CICLOSPORINA
DAPSONE
DERMABRASIONE
FLUOROURACIL+DERMABRASIONE
GINGKO BILOBA
ISOPRINOSINA
KELLINA –TOPICA E SISTEMICA
LASER (eccimeri e altri)
MELAGENINA (la cura cubana)
MAR MORTO
MINIGRAFTING-AUTOLOGO
MINOXIDIL
MONOBENZIL ETERE DI IDROCHINONE (per depigmentare)
FENILALANINA-UVA
PC/KUS (Prof. Schallreuter)
PIMECROLIMUS (Elidel)
PIPERINA
PSORALENI+SOLE
PUVA
QUINACRINA
SILIMARIN
STEROIDI (TOPICI, INTRALESIONALI, SISTEMICI)
TACROLIMUS (Protopic)
TATUAGGI
TRAPIANTI
TRETINOINA
UVB
VITAMINA B6
VITAMINA B12
VITAMINA C
VITAMINA E