Ariv  ricercatori coinvolti nelle problematiche della malattia dermatologi ricerca vitiligine

Martedì 01 Settembre 2009

Settembre

Una ragazza di pelle nera diventa una bianca, a causa di una malattia, la vitiligine.
Un breve riassunto di un articolo sulla vitiligine apparso sul dailymail dell‘11 agosto.



La pelle di una bella ragazza, Darcel De Vlugt, è diventata bianca in seguito a una malattia della pelle, la vitiligine. La sua pelle ora è diventata così delicata che Darcel deve usare ogni giorno una crema schermante a protezione totale, anche nelle giornate nuvolose.

Incredibilmente, Darcel è di razza nera. In casi rari come questo,la vitiligine porta via tutto il pigmento da tutto il corpo-i medici la chiamano "vitiligo universalis" Lei dichiara: "è dura convincere la gente che io sono nata con la pelle nera".

I genitori di Darcel, entrambi di Trinidad,notarono qualche chiazzetta bianca sugli avambracci della loro bimbetta quando aveva 5 anni.I dermatologi diagnosticarono la vitiligine, la stessa malattia che colpì Michael Jackson.

Negli anni successivi, le chiazze bianche si estesero alle gambe e su tutto il resto del corpo. Divennero col tempo sempre più grandi e confluirono fino a che la trasformazione dal nero al bianco divenne totale.

"Mio padre lavorava per l'ONU e noi viaggiavamo molto in tutto il mondo per il suo lavoro "dice Darcel, che ora fa la disegnatrice di moda a Londra." La mia famiglia è convinta che tanti spostamenti e traslochi quando ero piccola mi hanno causato molto stress e hanno contribuito a scatenare la malattia.

Nella mia famiglia non ce l'ha nessuno, tranne un lontano parente, in una forma molto leggera. Quando mi fu fatta la prima diagnosi a 5 anni, i miei non la presero troppo seriamente. Il medico prescrisse qualche cura per cercare di fermarla,e noi pensavamo che non sarebbe peggiorata. Ma negli anni successivi si estese rapidamente a tutto il corpo, al collo e al viso.



"Abbiamo tentato tutte le terapie possibili per fermarne la progressione,ma niente funzionava. Le terapie continuarono per 5 anni; quando il mio corpo diventò bianco all'80%, decidemmo di smettere le cure. Non c'era niente da fare."


Nota di ARIV: Casi di "vitiligine universale" accadono, ma sono piuttosto rari.